Welcome visitor you can log in or create an account

I blog di Edizioni Psiconline

Gli autori, le recensioni, le novità e le informazioni sulla nostra Casa Editrice
Redazione1

Edizioni Psiconline alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria

piulibriedizioni2Edizioni Psiconline anche quest’anno rinnova la partecipazione alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria che si terrà a Roma dal 7 all’11 dicembre,
presso il Palazzo dei Congressi, Roma Eur.

Continua a leggere
  868 Visite
  0 Commenti
Redazione1

Intervista a Danilo Selvaggio sul futuro della psiconcologia pediatrica

selvaggio3Danilo Selvaggio ha pubblicato nella collana Strumenti di Edizioni Psiconline un interessante volume sul tema della psiconcologia pediatrica dal titolo Psiconcologia Pediatrica. Gestire il bambino e la sua famiglia.
Che cosa accade quando un bambino si ammala di tumore? Come dovrebbe avvenire la comunicazione della diagnosi alla famiglia e al bambino stesso? Qual è il futuro della psiconcologia pediatrica?

Continua a leggere
  1376 Visite
  0 Commenti
Redazione1

Delirio. Composizione e scomposizione del pensiero delirante è in libreria

delirioDelirio. Composizione e scomposizione del pensiero delirante è il nuovo volume di Enrico Magni e Simon Pietro Scaccabarozzi nella collana Punti di Vista - Edizioni Psiconline.
Il libro origina e prende forma da un contesto clinico di un dipartimento di salute mentale in cui il delirio è parte sostanziale della quotidianità.
Continua a leggere
  1221 Visite
  0 Commenti
Redazione1

Intervista a Cecilia Vetturini, autrice di Scegliere il cambiamento

vetturini e copertina 300x279Pochi giorni dopo la pubblicazione di Scegliere il cambiamento. Un percorso di guarigione dalla co-dipendenza nella collana A Tu per Tu, intervistiamo l’autrice, Cecilia Vetturini, per conoscere come è nato il suo libro, a quale pubblico si rivolge, e soprattutto per parlare della co-dipendenza.

Perché ha deciso di scrivere Scegliere il cambiamento, quando ha preso questa decisione?

La psicologa presso la quale ero in terapia, mi faceva tenere un diario degli eventi, delle emozioni, delle riflessioni personali, delle scelte che m’invitava a fare, dei miei sogni: sia quelli a occhi aperti che quelli notturni. Io che amo scrivere, riempivo pagine e pagine del mio quadernino. Così un giorno le ho detto: “Io qui sto praticamente scrivendo un libro”. Lei mi ha risposto: “Perché no?”. Ricordo a memoria le parole con cui mi ha convinta da subito: “Se te la senti… Mi rendo conto che ti sto chiedendo tanto, ma sono sicura che potrai aiutare tante persone che hanno il tuo problema. C’è molta letteratura sulle dipendenze e in particolare sugli alcolisti, ma i loro familiari vivono nel silenzio e nella vergogna. Provaci”.
Ho cominciato a pensarci già in metropolitana mentre tornavo a casa.

Continua a leggere
  1051 Visite
  0 Commenti
Redazione

Racconti schizofrenici di S. Porcu e B. Furcas dal 17 settembre in libreria

racconti_schizofrenici_sitoRacconti schizofrenici. Vivere la malattia mentale attraverso gli occhi di operatori, pazienti e familiari di Stefano Porcu e Bruno Furcas, nella Collana A Tu per Tu, illustrazioni di Emanuele Musiu sarà disponibile in libreria dal 17 settembre.


Gli autori hanno raccolto attraverso brevi racconti, delle storie che tratteggiano stralci di vita ed esperienza di persone con sofferenza mentale, la finalità di questo libro è infatti anche quella di descrivere alcune sfaccettature della malattia mentale, attraverso lo strumento della narrazione, ma non è esclusivamente questo. Non delle asettiche "storie cliniche" per addetti ai lavori ma vicende concepite con l’immaginazione e la creatività senza tuttavia tralasciare gli spunti tratti dall’osservazione effettuata durante il lavoro sul campo.




[caption id="attachment_4871" align="alignright" width="187"]Stefano Porcu Stefano Porcu

Con lo strumento del racconto hanno voluto ricostruire le possibili esperienze di vita delle persone affette da sofferenza mentale grave, dei suoi familiari e degli operatori che in prima linea condividono con questi ultimi percorsi di fatica, di sofferenza e spesso di ostinata determinazione. Parallelamente hanno voluto far affiorare alcuni lineamenti della malattia mentale così come può manifestarsi agli occhi della società.
In Racconti schizofenici, eventi e situazioni, stati d’animo ed emozioni danno vita a vicende personali dove il lettore potrà cogliere alcuni aspetti della patologia, da diverse prospettive, potendo così riflettere sulla diversità e sulla complessità della malattia e sulla variegata costellazione dei disturbi ad essa correlati.


Nei racconti emergono disturbi psicotici e psichiatrici, le inquietudini e le angosce dei pazienti, oltreché deliri, ossessioni, paranoie, insomma tutte quelle situazioni che purtroppo si verificano quotidianamente in numerose famiglie, e le difficoltà delle varie professionalità che si trovano a dover affrontare e gestire, in modo diretto o indiretto, questa tipologia di disturbi.

Ogni storia narrata ha caratteristiche e peculiarità proprie, ma hanno tutte come denominatore comune lo scompiglio non solo della vita familiare, lavorativa e sociale del paziente, ma sempre più spesso anche quella degli operatori socio-sanitari coinvolti nel percorso riabilitativo.




[caption id="attachment_4872" align="alignleft" width="183"]furcas1 Bruno Furcas

Come si legge nella introduzione di Alberto Santoru (Psicologo, Psicoterapeuta): in questi brevi racconti si colgono delle prospettive esperienziali: i familiari, gli operatori, raramente i pazienti, perché il loro vissuto è inesprimibile per l’osservatore. E questo approccio “fotografico”, dove la scelta dell’angolatura appare dichiarata, è il contrario della mistificazione, della supponenza del letterato e lascia al lettore la possibilità di ricevere una impressione assolutamente personale.
Gli autori manifestano la loro capacità umana e professionale nella sensibilità che mostrano nel cogliere soprattutto le atmosfere, gli sfondi, i particolari apparentemente insignificanti, in grado di trasmettere il loro vissuto della “malattia”.
Alle volte non riescono a nascondere di essere parte della fotografia e neppure, probabilmente, lo vorrebbero. [...]
Gli autori, forti dell’esperienza “sul campo”, a contatto quotidiano con la realtà delle persone con sofferenza mentale e con le loro famiglie, fuori dagli ambulatori o da privilegiate oasi di osservazione, manifestano tutta la drammaticità dell’impatto con
una problematica complessa che richiede risposte articolate che coinvolgano servizi psichiatrici, familiari, utenti, associazioni, agenzie sociali e richiedono politiche sociosanitarie che riconoscano la caratteristica multifattoriale dei disturbi mentali.


Questo libro non è un manuale diagnostico e non può essere utilizzato in tal senso, ma nell’intenzione degli autori vuole rappresentare uno strumento e un modesto tentativo per il superamento del pregiudizio.


Acquista direttamente il volume su PSYCHOSTORE.NET


http://issuu.com/edizionipsiconline/docs/racconti-schizofrenici?e=2372380/30050307
Continua a leggere
  698 Visite
  0 Commenti
Redazione

Intervista a Emmanuella Ameruoso autrice di Desiderare la genitorialità

ameruoso copertinaEmmanuella Ameruoso nel suo volume Desiderare la genitorialità. Il mondo interiorizzato nel disturbo dell'infertilità (Collana Ricerche e Contributi in Psicologia) fornisce uno spunto per un’indagine più specifica sul tema dell’infertilità di coppia ad eziologia psicogena e come manifestazione di esperienze legate allo sviluppo psicosessuale.


ameruosoEmmanuella Ameruoso è psicologa e psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico, specialista in psicologia clinica, sessuologia e psicologia forense, già giudice onorario del Tribunale di Sorveglianza di Bari.
È didatta in corsi di formazione clinica e sessuologica in ambito pubblico e privato e collabora con diversi portali web come consulente sessuologo ed editor.
La sua esperienza include la collaborazione professionale con vari consultori nei progetti di educazione alla salute, con associazioni private in qualità di tutore e supervisore di studenti universitari e in attività di sostegno psicologico e cura dell’individuo, della coppia e dell’età dello sviluppo.
Ha svolto per diversi anni il ruolo di Consulente Psicologo presso la Commissione Speciale in materia d’Infanzia e di Minori del Senato della Repubblica e nel settore dell’Adozione nazionale presso la Asl di Roma.
È autrice di diverse pubblicazioni in ambito sessuologico e criminologico e attualmente svolge attività di consulente tecnico di parte in ambito civile e penale e lavora come libero professionista a Roma e Bari.

Incontriamo la Dott.ssa Ameruoso prima della pausa estiva, per analizzare meglio i contenuti di Desiderare la genitorialità.
Parliamo della difficoltà a concepire riscontrata in molte coppie, non legata a patologie identificabili e della possibilità di valutare in questi casi un disturbo dell’infertilità psicogena.

D. Perché scrivere questo volume?
R. L’idea di questo libro nasce da una curiosità sorta durante il percorso di studi universitario. Si parlava in maniera abbastanza sporadica dell’infertilità relativa al partner cosa che mi spinse ad approfondirne le cause. Nello specifico, se due partner di una coppia non riuscivano ad avere figli dopo almeno due anni di tentativi falliti si separavano, costituendo un nuovo nucleo familiare, la gravidanza si realizzava. Un po’ come avviene per le coppie che dopo un’adozione riescono ad avere un figlio naturalmente!
Era quindi evidente che proprio la relazione fosse disfunzionale e che la difficoltà a concepire non fosse legata a condizioni mediche identificabili ma a qualcosa che la scienza empirica ha approfondito marginalmente.
L’argomento mi interessò molto e da lì cominciai ad analizzare la tematica in maniera più specifica attraverso la raccolta di materiale bibliografico ed esperienze di coppie che, invece, avendo inseguito la genitorialità con metodi naturali e poi con la PMA, hanno optato per l’adozione. I coniugi intervistati presentavano problematiche d’infertilità primaria e/o secondaria.

D. Quali novità propone?
R. La possibilità di valutare il disturbo dell’infertilità psicogena considerando il nesso di causalità tra la collusione intra relazionale e l’incapacità a procreare permette di intervenire sui fattori predisponenti fornendo alle coppie un nuovo modo di percepire se stessi e il rapporto, contenitore nel quale è riversato, comunque, inconsciamente un insieme di fattori legati alla propria storia personale e al vissuto genitoriale.

D. Perché nel libro lei afferma che l'esordio della genitorialità avviene
nel periodo adolescenziale?

R. Lo sviluppo sessuale e la maturità psico-cognitiva caratteristici del periodo dell’adolescenza permettono ai ragazzi di acquisire una consapevolezza rispetto alla propria capacità generativa. È facile che essi utilizzino la propria sessualità e il proprio corpo per attivare il processo di differenziazione e di autonomia rispetto alle figure genitoriali e, per questo, molte ragazze “desiderano una gravidanza” poiché ciò permetterebbe loro di “trionfare” sulla figura materna vissuta come rivale, affermando la propria individualità e la propria femminilità. Inoltre, è in tale processo di crescita che emerge la fantasia degli adolescenti sulla “opportunità” di divenire genitori e dalla quale scaturiscono le paure, le difficoltà e le rappresentazioni mentali rispetto a questo evento. La conquista e la scoperta della sessualità li proiettano verso una dimensione adulta, anche se non hanno portato a termine il processo evolutivo.

D. L'adolescenza rappresenta un periodo di definizione della propria
identità: è sempre stato così? È dappertutto così?

R. Più che di definizione parlerei di ri-definizione della propria identità poiché nuove trasformazioni sul piano della personalità tendono a integrarsi a quelle già acquisite. In linea di massima ogni collettività attribuisce all’adolescenza delle proprie peculiarità. In occidente, ma già notiamo una notevole differenza tra il nord e il sud dell’Europa, è considerato un periodo “critico” poiché di passaggio e questo dipende soprattutto dall’ambiente in cui si vive. Molto spesso gli adolescenti sono messi in crisi semplicemente dalla cultura di appartenenza perché la crescita è comunque un percorso naturale. Infatti, in alcune realtà sociali attuali (e remote) l’accesso all’età adulta è (ed è stato) lineare e per certi versi repentino, per cui i ragazzi lo vivono con più disinvoltura.

D. Quando si parla di crisi in età adolescenziale, a cosa ci si riferisce?
Quali conseguenze può avere in futuro?

R. La crisi adolescenziale ha diverse sfaccettature. Per alcuni questa dimensione non è vissuta in modo critico o disagevole mentre per altri il processo di separazione-individuazione dalle figure genitoriali, le modificazioni corporee, il confronto con i coetanei rappresenta un momento particolare e il malessere è una conseguenza quasi immediata. Gli aspetti prevalenti di tale percorso sono connessi alla dimensione fisiologica ma anche, e soprattutto, psicologica. È in tale momento che l’adolescente comincia a conoscersi più a fondo e a vivere una situazione più specifica rispetto all’affermazione della propria identità. Soggetti con contesti problematici e difficoltosi, esperienze traumatiche e una maggiore sensibilità in merito a tali cambiamenti possono vivere il momento con diversa intensità. E tali condizionamenti tendono a interferire con la crescita e inevitabilmente con l’aspetto genitoriale e procreativo.

D. Ci sono delle cause specifiche che collegano l’esperienza adolescenziale al disturbo dell’infertilità?
R. Sì. Nel testo approfondisco proprio quest’aspetto cercando di analizzare le esperienze che influenzano la formazione del disturbo: un vissuto legato alla prima esperienza sessuale, una storia familiare traumatica che ha riguardato la nascita o la morte di un bambino (parto traumatico, violenze sessuali, un aborto spontaneo, un’interruzione di gravidanza o una fantasia familiare tramandata tra donne di diversa generazione) possono essere fattori prodromici alla manifestazione dell’IP.
L’identificazione col proprio genere sessuale, cui aderisce la capacità generativa, e l’assunzione di un ruolo, tramite cui si esplica la propria genitorialità, che riaffiorano e si rendono manifesti specificamente in adolescenza, possono essere compromessi da tali fattori e sfociare nel disturbo.

D. Cosa s’intende per collusione?
R. La collusione è un patto inconscio che si realizza tra due partner portatori di una propria storia personale. Ognuno affida all’altro parti di sé che non accetta e di cui vorrebbe “disfarsi”. È così che il compagno diventa un “complice” accettando questo “reciproco accordo” e per certi versi disfunzionale.

D. Quali sono gli aspetti collusivi della coppia?
R. Dicks parla proprio di “incastro inconscio” cioè, per usare una metafora, due pezzi dello stesso puzzle che s’intersecano perfettamente e che manifestano di conseguenza un disturbo di cui entrambi gli elementi sono portatori. La collusione si rende palese a livello del genere e del ruolo sessuale nei quali gli adulti s’identificano e pertanto è in essi che va ricercata la causa dell’impedimento alla procreazione.

D. Sono numerose le coppie nelle quali si riscontra un'origine
psicologica dell'infertilità?

R. Sì, sono innumerevoli e molte delle quali ricorrono alla fecondazione assistita o all’adozione per realizzare il desiderio di avere un figlio. La componente psicologica ha una rilevanza apprezzabile nella generatività poiché determina a livello fisiologico delle modificazioni ormonali che inducono un’inibizione della fecondità.

D. Come s’individua questo tipo di problema quando si analizzano le cause dell'infertilità?
R. Innanzitutto si esclude l’origine di tipo organica e poi, attraverso un’anamnesi specifica rivolta a ogni singolo partner e una serie di colloqui mirati ad indagare le possibili cause di matrice psicologica (e/o traumatica) si identifica l’origine del emotivo e quindi l’insorgere del sintomo.

D. Come s’interviene?
R. La terapia psicosessuologica permette di intervenire sulle aree deficitarie e conflittuali che ostacolano, o ancor peggio inibiscono, la procreazione.
Lavorando sulle dinamiche inconsce interne alla coppia, basate prevalentemente su una proiezione reciproca di esperienze e vissuti singolari, si ristrutturano i rapporti con e tra le figure di riferimento interiorizzate (la propria relazione con i genitori, il rapporto tra i due genitori, l’identificazione di sé nel ruolo genitoriale) che riversate inconsapevolmente sul partner, tendono a generare la collusione. Inoltre, si sostengono i soggetti nella rielaborazione del lutto conseguente alla diagnosi d’infertilità, di eventuali esperienze traumatiche pregresse, anche riferite al periodo dell’adolescenza, agendo inevitabilmente sulla capacità procreativa e sulla genitorialità entrambe legate, come più volte sottolineato, all’identità e al ruolo di genere.
Il tentativo dell’opera è quindi quello di voler fornire un’ottica interpretativa più ampia delle cause che sono all’origine dell’infertilità non rese esplicite e chiare dalle diagnosi mediche. Offrire una nuova speranza alle coppie per poter coronare il desiderio di essere genitore non è altro che la possibile conclusione di un ciclo naturale di vita a cui tutti, o la maggior parte, aspirano!

Acquista direttamente il volume su PSYCHOSTORE.NET



Continua a leggere
  821 Visite
  0 Commenti
Redazione

Desiderare la genitorialità di E. Ameruoso è in libreria

desiderare-la-genitorialitàDesiderare la genitorialità. Il mondo interiorizzato nel disturbo dell'infertilità di Emmanuella Ameruoso nella Collana Ricerche e Contributi in Psicologia, è in libreria. Il volume indaga in quell'area di difficoltà riproduttive non riconducibili a problematiche mediche conosciute.




L’esordio della genitorialità difficilmente si ritiene associato al periodo dell’adolescenza: è dalla pubertà che, invece, tutto ha origine.
Il mondo adolescenziale si definisce e diviene manifesto in quello adulto, con le sue problematiche, i suoi conflitti e le sue perplessità: l’idea di questo libro nasce dal tentativo di esaminare proprio questi aspetti.
I cinque capitoli di Desiderare la genitorialità, forniscono uno spunto per un’indagine più specifica sul tema dell’infertilità di coppia ad eziologia psicogena e come manifestazione di esperienze legate allo sviluppo psicosessuale. La pubertà e l’adolescenza divengono un percorso
fondamentale per il ridefinirsi della propria identità sia in termini di corporeità che di evoluzione psicologica.
Tramite il riconoscimento del proprio genere sessuale si esplica la capacità generativa, mentre l’identificazione nel proprio ruolo si definisce attraverso la genitorialità una volta che l’individuo è divenuto adulto.
Le relazioni con i propri genitori, la percezione ed il vissuto della propria sessualità, i conflitti interiorizzati, in riferimento ad una identità vissuta come ambivalente, risultano essere, di conseguenza, prodromiche al manifestarsi di alcuni disturbi durante
la crescita.
Con l’aiuto di casi clinici e di storie di vita, oltre che col supporto di una bibliografia mirata, vengono svelati i complessi meccanismi relazionali di una collusione che in realtà va incontro ai bisogni delle due persone che formano la coppia ma non ne consente l’allargamento a un terzo.

Desiderare la genitorialità si rivolge ad un pubblico vasto: Psicologi, psicoterapeuti, studenti di psicologia, futuri genitori, operatori del settore materno-infantile.

Emmanuella Ameruoso è psicologa e psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico, specialista in psicologia clinica, sessuologia e psicologia forense, già giudice onorario del Tribunale di Sorveglianza di Bari.
È didatta in corsi di formazione clinica e sessuologica in ambito pubblico e privato e collabora con diversi portali web come consulente sessuologo ed editor.
La sua esperienza include la collaborazione professionale con vari consultori nei progetti di educazione alla salute, con associazioni private in qualità di tutore e supervisore di studenti universitari e in attività di sostegno psicologico e cura dell’individuo, della coppia e dell’età dello sviluppo.
Ha svolto per diversi anni il ruolo di Consulente Psicologo presso la Commissione Speciale in materia d’Infanzia e di Minori del Senato della Repubblica e nel settore dell’Adozione nazionale presso la Asl di Roma.
È autrice di diverse pubblicazioni in ambito sessuologico e criminologico e attualmente svolge attività di consulente tecnico di parte in ambito civile e penale e lavora come libero professionista a Roma e Bari.

Acquista direttamente il Desiderare la genitorialità su PSYCHOSTORE.NET

http://issuu.com/edizionipsiconline/docs/desiderare-la-genitorialita?e=2372380/13598363
Continua a leggere
  594 Visite
  0 Commenti
Redazione

Marzia. Due donne, Marco Andreoli ci racconta il lungo viaggio di una donna a un bivio

IMG_20150110_154449Abbiamo incontrato Marco Andreoli in una fredda ma assolata mattina di gennaio, perché ci incuriosisce molto conoscere come e perché ha deciso di scrivere Marzia. Due donne.
Il mondo di una donna raccontato da un uomo.

Continua a leggere
  715 Visite
  0 Commenti
Redazione

Interessanti novità nel Catalogo 2015 di Edizioni Psiconline

Finalmente è on line il Catalogo 2015 di Edizioni Psiconline.


catalogo 2015L'attività editoriale di Edizioni Psiconline è ricca e variegata e si articola in diverse tipologie di testi. I titoli pubblicati sono infatti sia di grande impegno scientifico, tenendo fede alla impostazione iniziale di Edizioni Psiconline che nasce come Casa Editrice specializzata in psicologia, psicoterapia e scienze umane con lo scopo di diffondere on&off line una corretta cultura psicologica, che di taglio maggiormente divulgativo e si rivolgono a diverse tipologie di lettori.




Tra le novità pubblicate e in fase di pubblicazione  figurano infatti titoli inseriti nelle nostre collane: A Tu per Tu, Strumenti, Ricerche e contributi in psicologia, Punti di Vista.

A tu per tu
Una collana dedicata alla vita, alle esperienze, ai sentimenti che si svelano nell’incontro con la psicologia, racconti personali, vita vissuta, considerazioni di chi un giorno, per scelta o per necessità, ha preso contatto con una materia così bella ma anche così dura e concreta. E, comunque sia finita, vuol portare tutti i lettori a confrontarsi, compenetrarsi, capire cosa accade e come cambia il proprio quotidiano.

Tra le novità:

Icop_dentro_le_scarpe-x-sitoDENTRO LE SCARPE

Autore: Bianca Brotto
ISBN: 978-88-98037-81-0
Collana: A Tu per Tu
Pag. 336, formato 15X21 cm., rilegato in brossura filo refe
Prezzo: € 22.00

Dentro le scarpe è un romanzo intriso di realismo magico, che affronta con uno sguardo intenso, ma al contempo scanzonato, i temi fondamentali dell’esistenza, a cominciare dall’amore e dalla morte, e il modo in cui si intrecciano nella vita dell’uomo attraverso i fili imperscrutabili del destino.

copertina-citt-bianca-x-sitoLA CITTÀ BIANCA

Autore: Francesca Romana Orlando
ISBN: 978-88-98037-60-5
Collana: A Tu per Tu
Pag. 592, formato 15x21 cm., rilegato in brossura filo refe
Prezzo: € 26.00

Ogni sforzo dell'industria per tacere sui rischi per la salute connessi ai cellulari sembra vano quando, il 31 maggio 2011, l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro classifica la radiofrequenza come "possibile cancerogeno". Il Round Table poi non potrà nulla per arginare la diffusione una nuova tecnologia che si sostituirà ai cellulari e che cambierà il volto delle città.

Ricerche e Contributi in Psicologia
Teoria e Tecnica unite per parlare a tutti. Agli addetti ai lavori, che costantemente si rapportano con la materia e quotidianamente la vivono e la costruiscono, e a coloro che, nel loro percorso culturale e/o formativo, si interessano di psicologia e si confrontano con i suoi termini, le sue metodiche, le sue continue evoluzioni e scoperte.Una collana dedicata al “pensare” e al “fare” dove la teoria si trasforma in azione e dove l’idea assume un immediato connotato pratico.
Dedicata ai professionisti, agli studenti, agli appassionati di una materia così bella ed interessante e mai abbastanza indagata nel suo profondo e continuo divenire.

Tre le novità:

copertina-accogliere-il-migrante-sitoACCOGLIERE IL MIGRANTE. TECNICHE DI PSICOLOGIA TRANSCULTURALE IN SITUAZIONE DI EMERGENZA

Autore: Rosamaria Vitale, Rosalba Terranova Cecchini
ISBN: 978-88-98037-52-0
Collana: Ricerche e Contributi in Psicologia
Pag. 220 circa, formato 15x21 cm., rilegato in brossura
Prezzo: € 20.00

Nel libro sono presentate tecniche e strumenti che permettono all’operatore di entrare in contatto con la persona straniera in modo veloce ma empatico, di fare una valutazione immediata sia dei problemi psicologici che sociali, di intravederne gli sviluppi possibili in ambedue i campi e di instaurare quindi una corretta presa in carico, nel caso si evidenziasse la necessità di un intervento terapeutico, ed un adeguato accompagnamento nell’inserimento sociale e lavorativo per tutti.

Punti di Vista
Un modo diverso o personale di vedere gli argomenti della psicologia.
Ricerche, contributi, opinioni, punti di vista di chi si interessa di psicologia e di scienze umane.

Tra le novità:

copertina-101-anagrammi-zen-sito101 ANAGRAMMI ZEN. STORIE DI ENIGMISTICA, PSICOLOGIA, CINEMA, POLITICA.

Autore: Marco Minelli
ISBN: 978-88-98037-72-8
Collana: Punti di Vista
Pag. 264, formato 15x21 cm., rilegato in brossura
Prezzo: € 16.00

Marco Minelli ha focalizzato la sua attenzione sugli anagrammi, ricavandone una piccola antologia e cercando di
afferrare i nessi che si nascondono nell’esatto rimescolamento di lettere tra coppie o triadi di parole.
Strumenti
Gli strumenti della psicologia ed il loro uso professionale.
Teoria e pratica in azione a vantaggio di chi offre e di chi chiede ausilio in campo psicologico.

Tra le novità:

copertina_intervento-psicologico-scuolaxsitoINTERVENTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA E METODI NARRATIVI. STRATEGIA PER LA COSTRUZIONE DELL'INTERVENTO.

Autore: Annamaria Improta
ISBN: 978-88-98037-59-9
Collana: Strumenti
Pag. 184, formato 15x21 cm., rilegato in brossura
Prezzo: € 18.00

Il libro nasce con l’intento di suggerire vie e modalità per la risoluzione dei conflitti. L’autrice propone metodi operativi concreti, basati sulla conoscenza di sé per arrivare alla conoscenza e all’accettazione della diversità dell’altro.

Consulta il Catalogo 2015 sul nostro sito
Continua a leggere
  529 Visite
  0 Commenti
Redazione

Intervista a Marco Minelli autore di 101 Anagrammi Zen

foto minelli2Cosa accade quando uno psicologo, che è già impegnato nell’attività clinica di tutti i giorni, si appassiona anche all’enigmistica classica?
Per avere delle risposte a questa e ad altre domande, scaturite dalla lettura del libro 101 Anagrammi Zen nella collana Punti di Vista di Edizioni Psiconline, abbiamo intervistato l'autore Marco Minelli.

Continua a leggere
  1161 Visite
  2 Commenti
Redazione

101 Anagrammi Zen di Marco Minelli è finalmente in libreria e on-line

Dopo il successo di Manuale di Psicologia del Fumetto. Eroi di carta e lettori appassionati, Marco Minelli torna a divertirci e stupirci con 101 Anagrammi Zen nella collana Punti di Vista dal 20 novembre in tutte le librerie e on-line.




copertina-101-anagrammi-zen-sitoIl titolo 101 Anagrammi Zen, è ispirato alle 101 storie zen raccolte da Nyogen Senzaki e Paul Reps.
Marco Minelli è sia psicologo che enigmista e ha compilato questa piccola antologia, cercando un nesso tra le coppie o triadi di parole anagrammabili o tra i cosiddetti anagrammi divisi; un nesso che raramente può essere evidente (e in questo caso parleremo di anagrammi pertinenti: attore-teatro, bibliotecario-beato coi libri) ed altrettanto raramente è del tutto inesistente, in quelli che egli definisce impertinenti (sirenetta-trentasei, signorsì-grissino), ma il più delle volte rintracciabile col metodo freudiano delle libere associazioni profondo.
Attraverso questo esercizio di stile, che costituisce il filo conduttore di questo volumetto, l’Autore passa in rassegna alcune delle maggiori teorie psicoanalitiche, modelli di psicologia sociale e temi della psicologia cognitiva.
Oltre alla psicologia, non mancano i riferimenti alla politica italiana, visto che alcuni degli schemi anagrammatici la riguardano direttamente.
Gli schemi anagrammatici presentati in questo volumetto diventano un pretesto per discorrere anche di scienze umane, in particolare di psicologia e psicoanalisi, nonché soprattutto di storia contemporanea, ovvero delle ultime pagine della politica italiana, con particolare riguardo al malaffare e alla corruzione esercitati in maniera particolare dal pentapartito fino al 1993 e dal berlusconismo nell’ultimo ventennio. Non mancheranno inoltre riferimenti al cinema, a pellicole arcinote che hanno fatto breccia nell’inconscio collettivo, come ad esempio “Rain Man” o “Non ci resta che piangere” e a pellicole meno note del panorama nazionale. Non esiste un ordine cronologico ben definito, pertanto questo volume si può sfogliare a piacere, anche leggendo i centouno anagrammi al contrario o in ordine sparso, cercando nelle pause di trovarne un centoduesimo, magari inedito, da tematizzare; sempre a piacere, di seguito alcuni interessanti anagrammi.

Attore-teatro. È uno degli anagrammi più antichi e più noti, il padre di tutti gli anagrammi, rintracciabile già su diversi testi medioevali, il più pertinente, primatista dell’attinenza dei due termini. Sembrerebbe quasi fatto apposta, ma alla luce di tutte le ricerche etimologiche possibili, dobbiamo concludere che il fatto che queste due parole nella lingua italiana  sono anagrammabili è oggettivamente del tutto casuale.

Attenzione-Tentazione. L’attenzione è uno dei grandi temi della psicologia cognitiva:
il significato principale del termine attenzione è quello di applicazione mentale intensa, sforzo di concentrazione rivolto ad un’attività o ad un oggetto. L’attenzione può essere
comandata interamente dalla volontà, oppure attratta da stimoli esterni: è la sorpresa, ciò che esce dalla norma, a colpire l’attenzione. In psicologia, l’attenzione è il processo mentale che sceglie in base alla loro importanza le informazioni che arrivano al cervello. Che l’attenzione sia un fenomeno misurabile ha un certo peso: la cosiddetta soglia di attenzione può diminuire per molte cause, come la stanchezza o la noia. Una soglia d’attenzione è dunque il tempo massimo in cui siamo capaci di mantenerci impegnati sullo stesso stimolo o attività.
La tentazione è quindi antagonista all’attenzione e lo sanno bene gli insegnanti e gli altri operatori che in questi anni stanno assistendo allo smisurato aumento dei disturbi
denominati “Disturbi Specifi ci dell’Apprendimento” (DSA), il più noto dei quali è la dislessia.

Incerto - Recinto - Cretino. Non sa cosa fare, continua ad esitare, è come se fosse
bloccato… chi non riesce a prendere una decisione ha rimandato qualsiasi azione; l’incerto vive in un recinto. Lo sa bene chi è stato combattuto nell’effettuare una scelta e si è ritrovato a camminare avanti e indietro dentro una stanza come un cretino, in un recinto appunto.
Alcune delle decisioni che dobbiamo prendere nel corso della vita, per fortuna non tutte, sono dicotomiche: o bianco o nero, o lo faccio o non lo faccio, o la va o la spacca, prendere o lasciare. Sono proprio queste le decisioni più difficili per un essere umano di intelligenza media o superiore; i cosiddetti bivi o sliding doors, ben illustrati nell’omonimo film; quelli che il filosofo danese Soren Kierkegaard chiamava “aut aut”,
in opposizione agli “et et” che ci consentono di tenere il piede in due scarpe. 
Le decisioni “aut aut” hanno tutte una scadenza, anche se non sempre dichiarata con la formula “entro e non oltre”, per cui quando l’incerto si trova davanti ad uno di questi bivi lo scorrere del tempo diventa minaccioso e per contro la fretta resta proverbialmente cattiva consigliera: questi due elementi costituiscono un doppio legame.

101 Anagrammi Zen è dedicato a tutti coloro che almeno una volta nella vita hanno giocato ad anagrammare le parole che passavano nel cervello o nelle orecchie.

Guarda la scheda di 101 Anagrammi Zen sul sito

Acquista direttamente 101 Anagrammi Zen su PSYCHOSTORE.NET
Continua a leggere
  614 Visite
  0 Commenti
Redazione

Intervista a Rachele Magro curatrice di Oltre le stelle. Vissuti ed emozioni di famiglie militari italiane

copertina Oltre le stelle sitoA pochi giorni dalla pubblicazione di Oltre le Stelle. Vissuti ed emozioni di famiglie militari italiane, collana Punti di Vista, Edizioni Psiconline, abbiamo intervistato la curatrice Rachele Magro.


rachelemagroRachele Magro è psicologa-psicoterapeuta ed è Presidente ASPIC- Sede territoriale di Viterbo dal 2009. Impegnata dal 2004 nel campo dell’emergenza in vari progetti di formazione, prevenzione e sostegno psicologico rivolti alla popolazione e alle varie figure professionali.
Ha attivato dal 2004 al 2006 un progetto come psicologa volontaria in un Reggimento Operativo svolgendo attività di supporto psicologico ai militari impiegati all’estero e alle loro famiglie, proseguita in seguito con il lavoro clinico nell’attività privata a supporto degli operatori dell’emergenze. Autrice del libro “Cuore di Soldato” – Edizioni Psiconline.

Il libro raccoglie storie di donne che hanno scelto di condividere la propria vita accanto a uomini in divisa e di figlie che invece la vita militare l’hanno conosciuta nel corso della loro esistenza.
Si tratta di una serie di testimonianze raccolte dall’Associazione L’Altra Metà della Divisa e poi rielaborate ed inserite da Rachele Magro in una cornice che ne inquadra e analizza in modo professionale la psicologia e la capacità di reazione agli eventi imprevisti, racconti personali rilasciati da mogli e compagne – c’è anche una figlia – di militari di ogni grado e forza armata.
Storie profonde che molto spesso evocano più che descrivere, nel pudore prima umano che d’ordinanza, e che lasciano cogliere una quotidianità complessa e complicata dalle regole della vita militare.

Rappresenta un’iniziativa all’interno del progetto dell’Altra metà della Divisa, associazione no profit nata per iniziativa di donne, compagne di militari, consapevoli dell’indispensabilità di una rete di supporto, allo scopo di condividere esperienze e difficoltà, sensibilizzare e sostenere le famiglie militari.


D. Vogliamo iniziare questa intervista con una domanda fortemente provocatoria:

il libro racconta storie di famiglie militari, viste dall'interno,  perché dovrebbero interessarci?
R. Perché queste famiglie rappresentano uno spaccato di italianità che stiamo perdendo, perché dobbiamo riprovare ad amare il nostro Paese che questi uomini in divisa e le loro famiglie con i loro sacrifici raffigurano. Nella città dove abito io c'è almeno un uomo o una donna in divisa in molte famiglie: è giusto e doveroso riconoscere a questi uomini e donne il valore e comprenderne le fatiche, i disagi e le sofferenze ma anche le capacità di risollevarsi e di rimboccarsi le maniche quando la situazione lo richiede, per costruire una rete di supporto sempre più efficace.

D. Le storie raccontate nel volume sono davvero interessanti e illustrano  dal di dentro la vita delle coppie che hanno scelto di condividere una avventura come quella militare. Quale motivazione spinge queste donne a  raccontare il proprio vissuto?

R. La scelta di raccontarsi è nata dall'iniziativa di alcune donne interne all'Associazione L'Altra Metà della Divisa pensando che condividendo esperienze e vissuti non solo permettevano ad altri di conoscere un mondo spesso invisibile, ma soprattutto aiutavano le altre famiglie a riconoscersi e a non sentirsi sole nei momenti di difficoltà. L'intento è far conoscere al mondo militare e alle famiglie che c'è qualcuno che si sta attrezzando per dare risposte e che insieme si può fare di più e meglio. L'Associazione in questi due anni ha aiutato tantissime famiglie.

IMG 0358D. Come curatrice del volume ti sei trovata ad ascoltare storie che  potevano essere più o meno coinvolgenti perché scegliere quelle pubblicate?

R. Le storie arrivate sono state davvero tante. Alcune donne invece le conoscevo, ne avevo seguito le vicende e insieme all'Associazione le abbiamo aiutate a trovare nuove e più funzionali soluzioni, a volte abbiamo solo cercato di essere presenti, in ascolto, a sostegno. Ho scelto così di costruire un percorso rispetto alle tematiche più importanti e comuni che in questi 10 anni di attività in questo campo accanto alle famiglie militari e agli uomini e donne in divisa, avevo affrontato. Sono tematiche piene di significato per questo tipo di vita e soprattutto accumunavano più vissuti. Il senso era quello di far emergere i punti di forza, la capacità di far fronte agli eventi critici di queste mogli e madri, la loro resilienza per costruire una nuova ottica "di possibilita'", di nuove occasioni; quasi come guardare la parte del bicchiere mezzo pieno. "Se ce l'hanno fatta loro posso farlo anche io!"

D. In una raccolta come questa si è portati a pensare che tutto si concluda  con il lieto fine. Come mai hai scelto di raccontare anche storie che  si concludono in modo problematico?
R. Purtroppo la vita è fatta anche di cadute, di muri difficili da scavalcare, di momenti di crisi che sembrano infiniti. Qualcuno non ce l'ha fatta a trovare la rete di supporto giusta per procedere verso il benessere. Io li chiamo "maladattamenti". In questi casi, che purtroppo ce ne sono tanti, è necessario fare di più, trovare altre strade, altre alleanze e non sempre è facile. Alcune donne non siamo riuscite ad aiutarle, e dobbiamo fare anche i conti con la nostra frustrazione e il senso di colpa di operatori della relazione d'aiuto.
La storia di Catia, ad esempio, è quella che più mi è rimasta nel cuore, ma invece che cestinarla ho scelto di darle voce. Ne ho sentito l'obbligo.

D. Non ci sono storie di donne militari è una scelta precisa o è una casualità?
R. È una casualità e in parte una conseguenza del fatto che la parte più attiva dell'Associazione è fatta di donne che la divisa non la indossano, ma se ne prendono cura in altro modo. Sono la parte più forte di questo sistema ma hanno anche bisogno di un luogo dove potersi riposare un po' e pensare che qualcuno possa farsi recipiente di ansie e preoccupazioni per permettere al loro uomo in divisa di lavorare serenamente. Il motto è: una famiglia felice fa un soldato sereno.

D. Da quello che emerge nel libro, il mondo militare è decisamente complesso e sfaccettato. Ci può essere spazio per la diversità?

R. Il mondo militare è pieno di diversità, di uomini e donne che provengono da ogni parte d'Italia, ognuno che porta con se la sua storia, i suoi valori e i suoi riferimenti. È al contempo un mondo rigido e strutturato nella modalità e nelle funzioni e fa molta fatica, a mio parere, ad interfacciare Istituzioni e famiglie, anche il rapporto tra mondo militare e civile è ad oggi complicato.
Noi vorremmo andare oltre.

D. Anche in questo caso l'associazionismo fornisce la via di compensazione alle angosce individuali quanto può essere considerato in effetti utile?

R. Direi fondamentale. Ricevo tantissime email a settimana da parte di famiglie che si rivolgono a noi: è un canale aperto, accessibile e sempre disponibile.
L'Associazione in questo campo è fondamentale ma bisognerebbe attivare più canali di dialogo e confronto affinché le famiglie si sentano più riconosciute.
È un luogo dove puoi darti una mano reciprocamente senza sentirsi isolata e poi trovi sempre qualcuna che può dirti "ti capisco, ci sono passata anche io, ma vedrai che troviamo insieme una nuova strada".

Acquista direttamente il volume su PSYCHOSTORE.NET

Continua a leggere
  1315 Visite
  0 Commenti
Redazione

Edizioni Psiconline ha partecipato al Salone del Libro di Torino 2014

Salone del libro TorinoEdizioni Psiconline ha partecipato anche quest'anno al SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO di TORINO, giunto alla ventisettesima edizione, che si è concluso lunedì 12 maggio 2014.



Circa 340 mila visitatori, il 3% in più rispetto al 2013, buona percentuale di crescita anche per la nostra Casa Editrice.

[caption id="attachment_3007" align="alignright" width="221"]Ciro Pinto, Massimo Bisotti, Eleonora Capitani Ciro Pinto, Massimo Bisotti, Eleonora Capitani


[caption id="attachment_3012" align="alignleft" width="179"]Massimiliano Anzivino, Eleonora Capitani, Matteo D'Angelo Massimiliano Anzivino, Eleonora Capitani, Matteo D'Angelo


Da giovedì 8 maggio i nostri autori e il nostro Staff hanno accolto i visitatori allo STAND D14 del PADIGLIONE 1 del Salone del Libro di Torino.

Anche nel 2014 si è rinnovato l'appuntamento con il FIRMALIBRO, con i nostri autori che non si sono lasciati sfuggire la fantastica opportunità di incontrare il pubblico e firmare anche le copie acquistate dall'8 al 12 maggio:

[caption id="attachment_3008" align="alignleft" width="150"]Massimiliano Anzivino, Enrico Magni Massimiliano Anzivino, Enrico Magni


Grande interesse da parte dei visitatori per i titoli presenti nelle nostre collane A tu per Tu, Punti di Vista, Strumenti, Ricerche e Contributi...

Giornate intense, tantissimi incontri, grandi emozioni che accrescono l'amore per il nostro lavoro e ci incoraggiano a continuare così, e a dedicarci con sempre maggiore impegno alla pubblicazione di nuovi titoli, alla scoperta di nuovi autori a far diventare grande la nostra piccola Casa Editrice.

[caption id="attachment_3010" align="alignleft" width="150"]Massimo Bisotti, Rachele Magro, Rosanna Bellanich, Stefano Mosca Massimo Bisotti, Rachele Magro, Rosanna Bellanich, Stefano Mosca
Continua a leggere
  629 Visite
  0 Commenti
Redazione

Edizioni Psiconline al Modena BUK 2014

Edizioni Psiconline ha partecipato al Modena BUK 2014 il Festival della Piccola  e Media Editoria il 22 e 23  febbraio 2014 al Foro Boario di Modena.


[caption id="attachment_2630" align="alignleft" width="127"]BUK 2014 BUK 2014

Sabato 22 e domenica 23 febbraio siamo stati per la prima volta al BUK FESTIVAL di Modena con i nostri libri e con i nostri autori per cercare ancora una volta un contatto diretto con il nostro pubblico di lettori e di amici che costantemente ci seguono nella nostra avventura editoriale e nel nostro tentativo continuo di crescere e diventare un punto di riferimento nel panorama della editoria di qualità italiana.


1912465_10201346395854576_469345977_nCi avevano decisamente magnificato le possibilità offerte dal BUK FESTIVAL ma siamo rimasti sorpresi positivamente sia dalla quantità che dalla qualità dei visitatori che hanno affollato durante i due giorni le immense sale del Foro Boario di Modena. Oltre 20 mila visitatori in soli due giorni, 101 case editrici della piccole e media editoria,  e noi eravamo lì, Edizioni Psiconline era allo STAND 30 con gli appassionati Marisa ed Alessandro a fare da guida ai curiosi lettori e agli autori che in tanti si sono affollati intorno al tavolo carico di volumi.




[caption id="attachment_2636" align="alignleft" width="192"]FIRMALIBRO con Enrico Magni FIRMALIBRO con Enrico Magni "Tecniche di distensione immaginativa"

Due giornate intense a contatto con i nostri lettori affezionati in cerca di novità, ma anche i visitatori incuriositi dalla presenza dei nostri autori allo stand.


I visitatori non si sono lasciati sfuggire la fantastica occasione di conoscere di persona gli autori che hanno assicurato la loro presenza al nostro stand per parlare dei loro libri, rispondere alle loro domande e soprattutto firmare le copie acquistate.


Il FIRMALIBRO di Edizioni Psiconline ha attirato moltissimi curiosi che hanno affollato lo STAND attratti dalla simpatia e dal calore dei nostri gentilissimi autori: Matteo D'Angelo, Leonardo Angelini, Vincenza Sollazzo, Eleonora Capitani, Luca Paolo Libanora, Enrico Magni, che li hanno accolti e parlato amabilmente con loro.




[caption id="attachment_2638" align="alignright" width="210"]Matteo D'Angelo e Roberta Sorrentino Matteo D'Angelo e Roberta Sorrentino

È stato poi difficile resistere al fascino del nostro STAND ricco di sorprese e novità, e delle nostre presentazioni al salone Il Signor Novecento.


Sabato mattina Matteo D'Angelo e Roberta Sorrentino con "La stella alpina e la farfalla. I riflessi dell'anima".
Introdotto da Alessandro Fortunato, collaboratore di Edzioni Psiconline. È la storia di Marianna e del suo confronto con gli altri e con se stessa. Molti sono i temi affrontati: la provocazione verso l’ universo femminile, le relazioni di genere e intragenere, la ricerca dell’io e il tema dell’ uno e del tutto, che è appunto il filo conduttore dell’ intero scritto. L’autore vuole  lanciare un messaggio, aprire una riflessione, lasciare un sentiero di semini che il lettore può decidere se seguire o meno.
Il pubblico ha raccolto questo messaggio e si è lasciato trasportare dalla scorrevolezza della prosa, dalle frasi semplici ma pregnanti. Ha partecipato con interesse, intervenendo spesso con domande interessanti alle quali l'autore ha risposto con altrettanto calore e considerazione.


Nel pomeriggio Luca Paolo Libanora introdotto da Marisa Ciamarone, collaboratrice della casa editrice ha affrontato un tema di cui si discute molto, quello della ricerca del lavoro in un mondo del lavoro che sta cambiando e che impone sia a chi cerca, sia a chi offre lavoro, di  saper riconoscere questi cambiamenti per orientarsi senza problemi in questa realtà. Il suo "Trovare lavoro e vivere per sempre felici", è quindi una guida per comprenderne i meccanismi, scoprirne i criteri, apprenderne i “trucchi”, per orientare al meglio la propria ricerca di lavoro, evitando molti errori che pregiudicano le opportunità ma soprattutto aumentando le possibilità di ottenere un’occupazione gratificante e duratura.
Le domande sono state numerosissime, così come gli interventi del pubblico davvero molto interessato, le domande all'autore sono infatti proseguite anche durante il FIRMALIBRO.

Nel salone affollatissimo di un pubblico vivace e variegato, Eleonora Capitani ha concluso le presentazioni di Edizioni Psiconline, domenica 23, con "Come in un film. Il cinema come mezzo di espressione di sé". Un percorso di autoconoscenza, di consapevolezza e di trasformazione interiore. Nel laboratorio descritto nel suo libro, ogni partecipante ha la possibilità di costruire gradualmente il proprio personaggio, utilizzando al scrittura creativa come mezzo di espressione di sé, condividendo poi con gli altri le proprie emozioni e i propri vissuti nei gruppi di condivisione regolarmente svolti alla fine di ogni sessione, per poi giungere infine alla messa in scena dei lavori svolti.
Il tempo a disposizione non è bastato per contenere la curiosità del pubblico, e fortunatamente la nostra autrice è riuscita a rispondere in maniera esaustiva alle tantissime domande che le venivano rivolte.

Questi due giorni al Modena BUK Festival 2014 sono davvero volati!!!!

Non vediamo l'ora di poter incontrare di nuovo i nostri lettori e i nostri autori alla prossima grande manifestazione il Salone del Libro di Torino 2014.

Noi ci saremo con nuove ed entusiasmanti sorprese!!!!!

 

 

 

 

.




[caption id="attachment_2639" align="alignleft" width="300"]FIRMALIBRO di Vincenza Sollazzo FIRMALIBRO di Vincenza Sollazzo "Il sentiero del viaggio interiore"


[caption id="attachment_2631" align="alignleft" width="225"]15104_10203241469784498_1097551703_n Alessandro e Marisa con Eleonora Capitani


[caption id="attachment_2634" align="alignright" width="263"]Leonardo Angelini Leonardo Angelini "Quando Saremo e Reggio Emilia"


[caption id="attachment_2635" align="alignleft" width="248"]Eleonora CApitani FIRMALIBRO con Eleonora Capitani "Come in un film"
Continua a leggere
  545 Visite
  0 Commenti
Redazione

Emozioni e cuore con Massimo Bisotti alla Feltrinelli di Napoli

Incredibile successo di pubblico ed entusiasmo alle stelle per la presentazione di FOTO/GRAMMI DELL'ANIMA, di Massimo Bisotti, alla Feltrinelli di Chiaia a Napoli.


chiaia_settembre2013

Una serata magica, quella del 13 settembre scorso alla Libreria Feltrinelli di Chiaia, a Napoli.
Massimo Bisotti presentava il suo ultimo libro, appena pubblicato da Edizioni Psiconline, che si intitola FOTO/GRAMMI DELL'ANIMA. Libere [im]perfezioni, insieme al giornalista Luca Maria Brogli, e la Libreria Feltrinelli, per l'occasione, si era data la veste migliore possibile, pronta ad accogliere gli eventuali lettori interessati ad ascoltare dalla viva voce dell'autore le motivazioni della sua scrittura ed a conoscerlo più approfonditamente.



L'attesa era molta, dopo la bellissima presentazione dello scorso anno quando Bisotti aveva conversato a lungo ed intensamente con i suoi lettori napoletani de La luna blu, il suo precedente romanzo, riscuotendo un incredibile successo e la speranza che si ripetesse quanto già accaduto era decisamente alta ma, come sempre, i timori che il pubblico potesse non aver apprezzato il nuovo libro tanto quanto il precedente, caricavano di ansie sia l'autore che la Casa Editrice.

feltrinelli_napoli-2013

Anche la sede della presentazione, la prestigiosissima Libreria Feltrinelli di Chiaia, cuore pulsante della città, incuteva il timore di una serata non all'altezza delle aspettative ed accresceva i timori che però si sono sciolti come neve al sole subito.

Infatti i lettori napoletani hanno risposto con un entusiasmo disarmante e commovente all'invito e la serata si è presto trasformata in un concentrato di emozioni, di affetto, di abbracci fra Massimo Bisotti e i suoi incredibilmente affezionati lettori.

La sala si è immediatamente riempita e la presentazione è stata un successo ben maggiore di quello dello scorso anno, a testimoniare lo spazio che costantemente il giovane scrittore romano riesce a conquistare, passo sopo passo, nel cuore dei suoi lettori ed estimatori.

Prima il libro, lo splendido FOTO/GRAMMI DELL'ANIMA, poi una estemporanea esibizione al pianoforte, poi le accorate parole di Massimo, hanno conquistato il pubblico presente e trasformato l'incontro in una serata magica, carica di pathos e di sensazioni positive.

Prova ne siano gli entusiastici commenti che sono immediatamente iniziati sui social networks e l'affetto che ha subito circondato Massimo Bisotti.

Feltrinelli-chiaia-2013Una serata fantastica anche grazie alla cura e all'attenzione all'evento messa in campo dalla Libreria Feltrinelli di Chiaia e dalla Responsabile degli Eventi Feltrinelli, Annamaria Buonfantino, che dobbiamo davvero ringraziare di cuore.

Per tutti i lettori di Massimo Bisotti ora l'appuntamento è a Roma, alla Libreria Arion Esposizioni, il prossimo 21 settembre e poi ancora a Pescara, alla Libreria Feltrinelli, il prossimo 27 settembre.

Non mancate, vi aspettiamo per vivere insieme ancora una volta la magia di un incontro fra le anime!

 

 
Continua a leggere
  559 Visite
  0 Commenti

Le novità

Log in or create an account