Welcome visitor you can log in or create an account

I blog di Edizioni Psiconline

Gli autori, le recensioni, le novità e le informazioni sulla nostra Casa Editrice
Redazione1

La Psicologia del Fumetto nel volume di Marco Minelli

manuale psicologia fumetto sitoManuale di Psicologia del Fumetto. Eroi di carta e lettori appassionati di Marco Minelli nella collana Ricerche e Contributi in Psicologia, rappresenta un tentativo di dare organicità a tutta una serie di studi sul fumetto interessanti ma frammentari che si sono susseguiti per tutta la seconda metà del novecento ed in questo inizio di secolo.

Continua a leggere
  680 Visite
  0 Commenti
Redazione1

L'uso terapeutico della metafora il nuovo saggio di Emanuela Masseria

copertina uso metafora sitoL'uso terapeutico della metafora di Emanuela Masseria nel Catalogo Ricerche e Contributi in Psicologia, è una sorta di piccolo manuale sul concetto e sugli usi della metafora in varie discipline.
In particolare si concentra sulle possibili implicazioni nella scrittura e nella fotografia.

Continua a leggere
  1457 Visite
  0 Commenti
Redazione

Costruttori di cerchi il 18 maggio a Reggio Emilia

copertina-costruttori-di-cerchi-sitoLunedì 18 maggio 2015 alle ore 18,30, presso il Nido di infanzia XXV aprile di Villa Cella ( via Cella all'Oldo 6) a Reggio Emilia, aperitivo dialogato con  Massimiliano AnzivinoCostruttori di Cerchi all'interno di un interessante percorso  di collaborazione tra scuola e territorio.



costruttori di cerchiL'iniziativa si colloca all'interno delle celebrazioni per i settant'anni dalla nascita dell'idea della scuola XXV aprile ed è promossa dal Comune di Reggio Emilia - Assessorato Educazione e Conoscenza, Scuole e Nidi d’Infanzia - Istituzione del Comune di Reggio Emilia, Officina Educativa, Istituto Comprensivo “J. F. Kennedy”, Scuola Primaria Statale “V. Ferrari”, Consiglio Infanzia Città della Scuola Comunale dell’Infanzia “XXV Aprile”, Associazione “Mattone su mattone”.
Dopo il terremoto che ha colpito l'Emilia nel maggio 2012, la comunità di Villa Cella, una frazione del comune di Reggio Emilia, si è attivata per contribuire alla ricostruzione di alcune parti del nido di infanzia e della scuola elementare locali costituendo un'apposita associazione di cittadini denominata Mattone su mattone.


Dopo anni di lavoro e di importanti scambi tra i diversi ordini di scuole, la cittadinanza e l'amministrazione comunale è giunto il momento di celebrare gli esiti di tale esperienza e rilanciare nuovi progetti per il futuro: da qui il titolo “Scuola e territorio, progetti di partecipazione”.
Nell'evento del 18 maggio 2015, sono previsti diversi interventi da parte dei protagonisti di tale collaborazione all'interno di un aperitivo dialogato.
L'obiettivo è di mettere in valore una modalità di attivazione e sinergia tra istituzioni e cittadini per poterla riproporre anche al di là di eventi di emergenza e magari consolidarla come buona prassi anche per altri territori.
La presentazione di Costruttori di cerchi è pensata per offrire uno spunto di riflessione alla discussione prendendo spunto dall'esperienza di lavoro dell'autore con le scuole della città e con un modello operativo di consulenza aperto alla relazione e alla partecipazione.


Acquista direttamente il volume su PSYCHOSTORE.NET

http://issuu.com/edizionipsiconline/docs/costruttori_di_cerchi

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Rlno1XO9SwM?feature=player_detailpage&w=640&h=360]
Continua a leggere
  512 Visite
  0 Commenti
Redazione

Come sta cambiando la comunicazione medico-paziente? Lo chiediamo a Roberta De Bellis autrice del volume "Dalla malattia al paziente"

roberta de bellisDalla  malattia al paziente di Roberta De Bellis nella collana Ricerche e contributi in Psicologia, propone un nuovo modello di comunicazione medico-paziente evidenziando come sia possibile analizzare e valutare gli aspetti comunicativi nella relazione medico-paziente. La “medicina centrata sul paziente” implica una prospettiva in cui il malato è al centro dell’attenzione ed è protagonista.


Come e perché nasce questo volume e come si svolge il colloquio clinico nel modello centrato sul paziente? Per conoscere meglio "Dalla malattia al paziente" abbiamo intervistato Roberta De Bellis.

Roberta De Bellis, nata a Taranto  nel 1975, è Psicologa clinica, Psicoterapeuta e Consulente per il Tribunale di Busto Arsizio nell’ambito del Diritto di Famiglia.
Si occupa di consulenze e perizie relative alla valutazione dell’idoneità genitoriale e dell’affiamento dei minori, del danno psicologico e stalking. Si occupa di valutazione del danno cognitivo in relazione ad alcune malattie degenerative.
Attualmente svolge privatamente la sua professione di psicoterapeuta a Gallarate (VA).
È impegnata da 5 anni nell’Associazione Filo Rosa Auser, che si occupa di prevenzione e tutela delle vittime di maltrattamento domestico.
Svolge inoltre attività formativa

D. Qual è lo scopo di questo lavoro?
R.
Lo scopo del lavoro è mirato ad ampliare la visione della relazione che intercorre tra medico e paziente incentrata prevalentemente sul concetto di malattia quindi sintomo, focalizzando l'attenzione invece sul VISSUTO, sulla PERCEZIONE della malattia da parte dello stesso paziente, unico portatore di sofferenza. Il medesimo lavoro vuole rappresentare pertanto una linea guida teorica e pratica su come articolare una comunicazione efficace tra medico e paziente orientata a cogliere i segnali di malessere legati alla personale condizione di salute; questo rappresenta un presupposto necessario per instaurare un'adeguata alleanza terapeutica che permetta anche un'adesione da parte del malato ad eventuali trattamenti di cura.

 D. Quando e come nasce questo volume?
R. Questo volume nasce sulla scia di una precedente ricerca svolta a cavallo del periodo della mia specializzazione post lauream in Psicologia Clinica e motivata dall'esigenza concettuale ed operativa di trovare adeguati strumenti comunicativi che possano essere sfruttati dagli operatori della salute ed orientati maggiormente su un modello maggiormente "centrato sul paziente".
Una relazione terapeutica efficace tra il medico e il paziente necessita ad oggi del superamento del vecchio modello incentrato sulla malattia che non tiene conto della persona nella sua totalità.


D. A chi è rivolto?
R. Il presente lavoro è sicuramente rivolto a tutti gli operatori della salute ma potrebbe essere anche rivolto a persone non addette ai lavori che in veste di pazienti si saranno trovate ad interagire almeno una volta nella loro vita con un medico. Il valutare infatti l'adeguatezza o la generica "bravura" del medesimo medico in questione dipende tanto da come lo stesso si pone a livello comunicativo con il paziente, cosa è stato in grado di trasmettergli e soprattutto COME ha trasmesso informazioni delicate come quelle relative alla personale condizione di salute.

D.Le differenze fondamentali tra il modello desease centered e il modello patient centered.
R. Il “modello centrato sulla malattia”, su cui fino ad ora si è basata gran parte della medicina tradizionale, fonda i suoi presupposti teorici e pratici sull’individuazione da parte del medico dei sintomi che un paziente manifesta, la possibile associazione causa-effetto paziente attraverso alcuni strumenti.
Il “modello centrato sul paziente” attribuisce grande importanza alla dimensione umana della relazione; è un modello che promuove il “prendersi cura della persona malata” e considera il paziente protagonista della sua salute.

D. Quando viene introdotto per la prima volta il modello incentrato sul paziente?
R. Già a partire dagli '50 Balint aveva introdotto un modello che poneva sulla persona, sottolineando l'aspetto del riduzionismo biologico che contraddistingue invece la medicina classica.

D. Quanta apertura c'è da parte del personale medico ad adottare un metodo incentrato sul paziente e non solo sulla malattia?
R. Il personale medico ad oggi sta sempre maggiormente ampliando la personale visione rendendosi conto dei limiti legati ad un modello centrato solo sulla malattia che deriva soprattutto dalla richiesta ALTRA che i pazienti pongono quando si sottopongono ad una visita medica. Gli stessi richiedono non solo trattamenti farmacologici che curino i sintomi bensì umanamente richiedono comprensione, ascolto attivo, empatia che fino ad ora non sono stati presuppositi della vecchia medicina tradizionale.

D. Analizzare il vissuto del paziente durante la visita vuol dire indagare quattro categorie cioè i sentimenti del paziente, la paura dell’essere malato; le idee e le interpretazioni relativamente a ciò che non funziona; le aspettative e i desideri riguardo a ciò che dovrebbe essere fatto e infine il contesto familiare, sociale e lavorativo. Quanto è frequente oggi un approccio di questo tipo?
R. L'approccio orientato a cogliere i segnali emotivi dei pazienti legati alla propria condizione di salute sta divenendo una condizione necessaria ed assunta sempre più in considerazione da parte del personale medico. Si può affermare che nonostante qualcuno resti fedele all'antica tradizione della medicina e quindi si limiti a somministrare farmaci passivamente non considerando l'aspetto più importante che è quello umano, il modello centrato sul paziente sta divenendo una necessità da parte dello stesso operatore della salute qualora voglia realmente aiutare e guidare il proprio paziente verso una guarigione. Non si può non sottolineare a tale proposito come il benessere psicofisico derivi da un adeguato funzionamento della mente e del corpo e come queste due entità siano interrelate tra loro.

D. Come si svolge il colloquio clinico nel modello centrato sul paziente?
R. Il colloquio orientato su un modello incentrato sul paziente prevede l'acquisizione di competenze comunicative specifiche da parte del medico atte a rilevare aspetti significativi della condizione psicologica che lo stesso paziente sta vivendo in relazione alla propria malattia. Alcuni esempi sono:
nella fase di RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI, il medico attraverso le cosiddette active listening skills, incoraggerà il paziente ad esprimere le sue preoccupazioni e il suo stato emotivo relativi alla situazione che vive; è molto utile poiché consente allo stesso di parlare del problema che ha portato in visita con il suo linguaggio.
Altresì in altri momenti del colloquio (fase della restituzione delle informazioni) metterà in atto altre strategie mirate soprattutto a stabilire un'adeguata compliance e relazione terapeutica empatica con il paziente.

D. Quali evoluzioni ha subito il modello incentrato sul paziente?
R. Il modello centrato sul paziente ha subìto nel corso degli anni evoluzioni: i medici che lo abbracciano hanno tentato di costruire e mettere in pratica i colloqui clinici focalizzando sempre più l’attenzione sul paziente piuttosto che sulla malattia.Quindi si può affermare che gradualmente ci si stia avvicinando maggiormente ad un nuova cultura della "cura" della persona, che sta divenendo il centro focale del suo stesso problema.

D. Il modello centrato sul paziente può sostituire il primo incentrato
sulla malattia?
R. L'ipotesi non prevede la sostituzione di un modello bensì l'integrazione di due modelli ugualmente indispensabili nella cura e nel trattamento di una persona portatrice di una malattia e di una annessa sofferenza psichica.

Acquista direttamente il volume su PSYCHOSTORE.NET

Continua a leggere
  708 Visite
  0 Commenti

Le novità

Log in or create an account