Welcome visitor you can log in or create an account

I blog di Edizioni Psiconline

Gli autori, le recensioni, le novità e le informazioni sulla nostra Casa Editrice
Redazione

La manipolazione affettiva nella coppia e il problema della dipendenza affettiva

La copertina del volume



Duro lavoro, in questi giorni, in Casa Editrice, alla preparazione del volume di prossima uscita "La manipolazione affettiva nella coppia. Riconoscere ed affrontare il cattivo partner", traduzione italiana del libro di successo francese "La manipulation affective dans le couple. Faire face à un pervers narcissique".

Scritto da Pascale Chapaux-Morelli, Presidentessa dell'Association d’Aide aux Victimes de Violences Psychologiques, e da Pascal Couderc, psicologo e psicoanalista, è un bellissimo volume che prende per mano il lettore e lo porta a comprendere in profondità la complessa tematica della dipendenza affettiva, a riconoscerne i segni rivelatori nel partner e poi a reagire e a sottrarsi ad un fenomeno psicologicamente invalidante.

Leggere il volume è utile a tutti, sia a chi potrebbe averne realmente bisogno per risolvere proprie difficoltà relazionali all'interno della coppia, e sia a chi, invece, vuole essere informato sui modi "reali" in cui si dispiega il "narcisismo perverso" dei partner manipolatori. In fondo, conoscere è il miglior metodo per prevenire.

Scritto in un linguaggio concreto e immediatamente comprensibile, con l'obiettivo di consentire al lettore una immediata comprensione dell'argomento trattato, "La manipolazione affettiva nella coppia" avrà la capacità di suscitare anche in Italia quel dibattito che ha consentito in Francia l'approvazione di una Legge specifica per la difesa del partner dall'abuso psicologico e non solo da quello fisico.

La copertina del libro francese



Noi di Edizioni Psiconline lo vogliamo fortemente e per questo abbiamo deciso di investire davvero tanto in un libro che è dalla parte del partner debole (più spesso la donna, ma non solo lei) e vuole aiutarlo ad uscire da una trappola psicologica che lo autocostringe a vivere una vita decisamente inaccettabile fatta di abusi, soprusi e svalutazioni. Una battaglia civile, a nostro giudizio, non più rimandabile e che deve avere anche in Italia una sua concreta visibilità.

Una battaglia di civiltà che ha visto e vedrà anche il contributo concreto di Dacia Maraini, che ha voluto scrivere la Prefazione del volume e ne ha condiviso pienamente l'obiettivo fondamentale.

Per questo siamo davvero impegnati e nelle prossime settimane dispiegheremo, insieme alla coautrice Pascale Chapaux-Morelli, che è anche la curatrice della traduzione italiana, il massimo di impegno nella diffusione dei concetti e dei principi presenti nel volume.

Nel frattempo, per darvi una concreta idea del libro, vi invitiamo a leggere una presentazione/intervista alla Chapaux-Morelli di Terrafemina, uno dei siti francesi più importanti fra quelli dedicati al mondo femminile.

Seguiteci, ne varrà la pena!
Continua a leggere
  777 Visite
  3 Commenti
Redazione

SINCRONIE D'ASCOLTO E LETTURA

Ho letto con attenzione l'articolo di Antonio Vita sull'orco che alberga nell'animo umano. Un brano che mi ha fatto riflettere..... Una pagina incontrata casualmente mentre sto entrando in "La manipolazione affettiva nella coppia", libro che pubblicheremo a febbario.  Alchimia di diari a più mani che il mondo editoriale, nelle sue forme in parole, note, colori, in digitale e non, ci permette di comporre e gustare.



Torna  il tema dell'abuso e il brano di Vita, così come il libro di Pascale Chapaux-Morelli, mi fanno suonare in mente un brano dell'album "Elettra" di Carmen Consoli dal titolo "Mio zio", dove l'artista riesce con sfumature espressive nella voce e nella musica, a figurare nell'ascolto l'abominio e la scelleratezza del dominio perverso di un individuo sull'altro. Vado a cercare un video su internet per proporvelo, ed ecco che spunta una stessa immagine usata da Vita ad arricchire il proprio pezzo......

Forse era proprio il momento di aggiungere questo tassello musicale a una riflessione che la nostra casa editrice sta facendo sull'abuso, in preparazione del lancio di questa ultima fatica, "La manipolazione affettiva nella coppia", libro di successo oltralpe......

Video:

http://www.youtube.com/watch?v=qPrdwyGc7Ig

Testo


Ho messo il rossetto rosso in segno di lutto
E un soprabito nero
Era un uomo distinto mio zio.
Madre non piangere, ingoia e dimentica
Le sue mani ingorde tra le mie gambe
Adesso sta in grazia di Dio.


Brava bambina fai la conta
Più punti a chi non si vergogna
Giochiamo a mosca cieca
Che zio ti porta in montagna.

Porgiamo l’estremo saluto ad un animo puro,
Un nobile esempio di padre, di amico e fratello
E sento il disprezzo profondo, i loro occhi addosso
Ho svelato l’ignobile incesto e non mi hanno creduto.


Brava bambina un po’ alla volta
Tranquilla, non morde e non scappa
Giochiamo a mosca cieca
Che zio ti porta in vacanza.

Brava bambina fai la conta
Chi cerca prima o poi trova
Gioiuzza fallo ancora
Che zio ti porta alla giostra
Che zio ti porta alla giostra.

Ho messo un rossetto rosso carminio
E sotto il soprabito niente
In onore del mio aguzzino.
Ho messo il rossetto rosso in segno di lutto
E un so
prabito nero
Era un uomo
distinto mio zio.
Madre non pia
ngere, ingoia e dimentica
Le sue mani ingorde tra le mie gambe
Adesso sta in grazia di Dio.

Brava bamb

ina fai la conta
Più punti a chi non si vergogna
Giochiamo a mosca cieca
Che zio ti porta in montagna.


Porgiamo l’estremo saluto ad un animo puro,
Un nobile esempio di padre, di amico e fratello
E sento il disprezzo profondo, i loro occhi addosso
Ho svelato l’ignobile incesto e non mi hanno creduto.


Brava bambina un po’ alla volta
Tranquilla, non morde e non scappa
Giochiamo a mosca cieca
Che zio ti porta in vacanza.

Brava bambina fai la conta
Chi cerca prima o poi trova
Gioiuzza fallo ancora
Che zio ti porta alla giostra
Che zio ti porta alla giostra.

Ho messo un rossetto rosso carminio
E sotto il soprabito niente
In onore del mio aguzzino.

Continua a leggere
  683 Visite
  0 Commenti

Log in or create an account