Welcome visitor you can log in or create an account

Anoressia Rabbiosa

Disponibile da oggi nelle librerie italiane il nuovo volume di Luciano Peirone ed Elena Gerardi "ANORESSIA RABBIOSA. La ribellione muta e i sentimenti repressi".

Anoressia Rabbiosa
Anoressia Rabbiosa


Edizioni Psiconline affronta ancora una volta uno dei temi più scottanti dell'analisi psicologica e al tempo stesso una delle emergenze della società contemporanea.

Nel libro i due autori condividono la propria esperienza professionale e le conoscenze didattiche della tematica, affrontando un aspetto forse troppo spesso dimenticato. La Rabbia nell'anoressico, infatti, è forse alla base dell'insuccesso di molte terapie. Quella calma apparente di chi rifiuta il cibo non deve trarre in inganno. Nelle 240 pagine del saggio ci sono tante informazioni, indirizzi terapeutici e quant'altro possa incuriosire sulla materia.

Non perdetelo!
Ancora una giornata coperta di neve
Googolando...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 3

Ospite - rachat de credit il Domenica, 26 Dicembre 2010 12:17

J'ai appris des choses interessantes grace a vous, et vous m'avez aide a resoudre un probleme, merci.

- Daniel

J'ai appris des choses interessantes grace a vous, et vous m'avez aide a resoudre un probleme, merci. - Daniel
Ospite - Luciano Peirone & Elena Gerardi (website) il Martedì, 28 Dicembre 2010 06:41

Cher Daniel, nous sommes heureux pour l'aide que notre livre a donné pour ta vie. L'anorexie est un problème souvent négligé. Salut. Elena Gerardi & Luciano Peirone

Cher Daniel, nous sommes heureux pour l'aide que notre livre a donné pour ta vie. L'anorexie est un problème souvent négligé. Salut. Elena Gerardi & Luciano Peirone
Ospite - Luciano Peirone & Elena Gerardi (website) il Mercoledì, 29 Dicembre 2010 13:53

Alcuni, fra i nostri studenti e lettori, ci hanno domandato di specificare meglio il concetto di "rabbia". Proviamo a farlo in estrema sintesi, ovviamente invitando il lettore a coglierne le intime connessioni con la patologia anoressica. La rabbia è una emozione generalmente negativa, in quanto risposta sbagliata a problemi magari legittimi: però è spesso generatrice di confusione, fa salire il livello di conflittualità, e non si capisce più niente. Una rabbia correttamente espressa, nel giusto contesto terapeutico, risulta invece lecita... ma è uno stratagemma da usare con particolare prudenza. La primitività della rabbia rende la persona "rabbiosa" incapace di esprimersi. Inoltre, la rabbia silente (o peggio ancora inconscia) tende a "ribollire" dentro, montando a dismisura, per poi sfociare in esplosioni confusive e distruttive. La malattia anoressica, sia quella conclamata nel corpo sia quella anche solo accennata nella sfera mentale ed affettiva, risulta non di rado "inquinata" da una "cattiva e sbagliata" espressione della emozione rabbiosa, comportando "riluttanza" (cioè il non volersi far curare) e "resistenza" (cioè il frapporre ostacoli al corretto svolgimento della terapia).
Luciano Peirone & Elena Gerardi

Alcuni, fra i nostri studenti e lettori, ci hanno domandato di specificare meglio il concetto di "rabbia". Proviamo a farlo in estrema sintesi, ovviamente invitando il lettore a coglierne le intime connessioni con la patologia anoressica. La rabbia è una emozione generalmente negativa, in quanto risposta sbagliata a problemi magari legittimi: però è spesso generatrice di confusione, fa salire il livello di conflittualità, e non si capisce più niente. Una rabbia correttamente espressa, nel giusto contesto terapeutico, risulta invece lecita... ma è uno stratagemma da usare con particolare prudenza. La primitività della rabbia rende la persona "rabbiosa" incapace di esprimersi. Inoltre, la rabbia silente (o peggio ancora inconscia) tende a "ribollire" dentro, montando a dismisura, per poi sfociare in esplosioni confusive e distruttive. La malattia anoressica, sia quella conclamata nel corpo sia quella anche solo accennata nella sfera mentale ed affettiva, risulta non di rado "inquinata" da una "cattiva e sbagliata" espressione della emozione rabbiosa, comportando "riluttanza" (cioè il non volersi far curare) e "resistenza" (cioè il frapporre ostacoli al corretto svolgimento della terapia). Luciano Peirone & Elena Gerardi
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 14 Ottobre 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Immagine Captcha

Log in or create an account