Welcome visitor you can log in or create an account
Anoressia rabbiosa

Anoressia rabbiosa. La ribellione muta e i sentimenti repressi

Nessuna valutazione Manufacturer Email
Array
Sales price 24,00 €
Salesprice with discount
Discount
Disponibilità:
10
  • Description
  • Recensioni
La distorta immagine di sé; l’ossessivo autocontrollo sul corpo, sul suo peso, sul cibo da (non) inghiottire ed eventualmente vomitare; i vissuti ansioso-depressivi, i conflitti interpersonali, i disturbi sessuali e della vita affettiva in generale, il cattivo uso dell’intelligenza, la patologica strumentalizzazione della precisione e di certi ideali di irrealistico perfezionismo.
Ecco, in sintesi, l’essenziale quadro di riferimento della anoressia, un autentico paradosso per la “abbondante” civiltà occidentale.

Indice

    Prefazione (Prof. Mario Fulcheri)
    Anoressia, identità e cura di sé: premesse metodologiche
    Il paradosso dell’abbondanza, la silenziosa ribellione del corpo e l’aggressività repressa-inespressa
    L’anoressia rabbiosa: raccontata e scritta, vissuta in prima e in terza persona, oggetto di aiuto voluto e non voluto
    Approfondimenti di teoria e tecnica psicoanalitica: per meglio conoscere, per meglio diagnosticare, per meglio curare
    Anoressia e diramazioni collaterali: vomiting, bulimia, binge eating disorder, obesità
    L’anoressia quale dipendenza: dal cibo e dalle persone, e la sua parentela con la dipendenza dalle sostanze psicoattive
    Appunti di psicologia clinica: la fatica della terapia
    Appunti di psicologia della salute: informazione e sensibilizzazione, prevenzione e sostegno
    I pesanti “buoni sentimenti”: la difficoltà nel passare dall’odio all’amore
    Bibliografia
    Note Bio-bibliografiche sugli autori

Quarta di copertina

La distorta immagine di sé; l’ossessivo autocontrollo sul corpo, sul suo peso, sul cibo da (non) inghiottire ed eventualmente vomitare; i vissuti ansioso-depressivi, i conflitti interpersonali, i disturbi sessuali e della vita affettiva in generale, il cattivo uso dell’intelligenza, la patologica strumentalizzazione della precisione e di certi ideali di irrealistico perfezionismo.
Ecco, in sintesi, l’essenziale quadro di riferimento della anoressia, un autentico paradosso per la “abbondante” civiltà occidentale.
Ma c’è dell’altro: il lato più oscuro del rifiuto del cibo. Sottile, quasi invisibile, accanto e dietro al sintomo fisico si muove una ridda di pensieri e soprattutto di fantasmi inconsci, imbevuti di immaturità e insicurezza, dipendenza e invidia, menzogna e manipolazione, ribellione e cattiveria.
“TOGLIETE IL MIO POSTO A TAVOLA!” è il comando (al tempo stesso supplichevole e patetico, gelido e ricattatorio) che ben esemplifica il desiderio di controllo sul cibo e sull’ambiente familiare-relazionale, nonché i sentimenti negativi, a lungo covati e tenuti celati, che talvolta esplodono in una “cascata di rabbia”, finalmente visibile, la quale mette a nudo il “cuore” (se così, paradossalmente, si può dire...) del dimagrimento assurto a “religione personale”.
Emerge in tal modo un particolare quadro della personalità del soggetto anoressico, il quale è perennemente in lotta: prigioniero di una muta e inconcludente rivolta nei confronti del mondo, oppresso da una aggressività repressa ed inespressa, incapace di aprire il corpo e l’anima ai giusti e salutari sentimenti, portatore di un corpo che tende al “virtuale” e ad una progressiva esagerata “mentalizzazione”.
Fredda, dura, paranoide: questa è la sintesi della anoressia rabbiosa.
Per l’anoressico che cerca di guarire, ci vuole un cuore che torni ad amare.
In fondo, la malattia conclamata e anche il più sfumato disagio consistono in una “cattiva, o mal posta, fame d’amore”. Per contrastare la fredda ossessività di una rabbia trattenuta, occorre riscaldare e sciogliere il “sofferente cuore di ghiaccio che non ha più fame”.
In questo volume narrazioni esistenziali, interviste, colloqui paziente- terapeuta e schematici resoconti di casi clinici fanno da sfondo alle teorizzazioni psicoanalitiche sul disturbo anoressico.

Rivolto sia agli operatori/ricercatori del settore sia a genitori-familiari-insegnanti, questo originale “manuale” di meta-analisi e supervisione si pone un triplice obiettivo, uno di ordine generale e due di ordine specifico:
A) fornire un ulteriore contributo ad ampio respiro, lungo la chiave di lettura incentrata sull’approccio eclettico-integrato;
B) allargare il tema della anoressia oltre il tradizionale settore della psicopatologia clinica, per sfociare nelle feconde prospettive suggerite dalla psicologia della salute;
C) evidenziare e approfondire alcuni aspetti intrapsichici inconsci talvolta “presi sotto gamba” o addirittura trascurati nella difficile valutazione e nella faticosa cura del malato di anoressia.

NON IL SOLITO LIBRO SULL'ANORESSIA.UN ORIGINALE TESTO CHE METTE A PUNTO LA SOFFERENZA NON RICONOSCIUTA, I CATTIVI SENTIMENTI E LE DIFFICOLTA' DELLA TERAPIA.

Autore

Luciano Peirone e Elena Gerardi, psicologi psicoterapeuti, lavorano a Torino.
Sono Professori a contratto di Psicologia Clinica Gerontologica alla Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara.
Hanno creato Anthropos (www.anthropos1987. org - info@anthropos1987.org), una “rete” informativa, un progetto di ricerca e intervento incentrato su Salute, Cultura, Psicologia e Benessere Psico-Fisico.
Autori di libri e di numerosi articoli sia scientifici sia divulgativi, svolgono anche attività di conferenzieri.
Si occupano di psicologia clinica, psicologia della salute, psicoanalisi, sessualità, vita di coppia, processi culturali nella terza età, training autogeno, psicosomatica, disturbi del comportamento alimentare.

Autore
Luciano Peirone, Elena Gerardi
Anno di pubblicazione
2010
Pagine
240
Rilegatura
Brossura Filo Refe
Formato
15x21
There are yet no reviews for this product.

Il Blog di Edizioni Psiconline

13 Giugno 2019
Interviste
News
Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida (Punti di Vista-Edizioni Psiconline, € 20,00) è il nuovo saggio di Matteo Simone.Maratone, ultramaratone, psicologia dell'atleta e della performance gli argomenti del libro.Intervistiamo Matteo Simone, psicologo e psicoterapeuta Gestalt, da anni impegnato come Psicologo dello Sport....
01 Aprile 2019
Interviste
News
Libri di psicologia e psicoterapia
Le emozioni. Un magico mondo da vivere è il nuovo volume di Federica Curzi, nella collana Idee in movimento di Edizioni Psiconline.Come preannuncia il titolo, l'autrice prende in esame il mondo complesso delle emozioni, e la ragione per cui spesso non riusciamo a comprenderle e a gestire il caos che queste provocano in noi.Un volume scorrevole, di facile lettura e adatto a tutti come ci ha detto Federica Curzi nella intervista  che di seguito pubblichiamo....
11 Febbraio 2019
Presentazioni
News
Venerdì 15 febbraio alle ore 18.30 Alberto Vito presenta Affetti speciali. Uno psicologo (si) racconta presso Persepolis, Piazza dei Martiri, 23/d - Napoli L'evento denominato "Testa fresca e piedi al caldo" è un incontro semiserio tra arte, tappeti e psicologia.Cosa prova uno psicoterapeuta al termine di una seduta? Quali sono i suoi pensieri prima di addormentarsi? Questa professione modifica la vita di chi sceglie di esercitarla? Cosa fa “riuscire” una terapia?Il lettore trova qui le risposte...

Log in or create an account